PARROCCHIA
S. MARIA REGINA
Via Favana - Busto Arsizio

 


Anno 2000
Numero 2 - Novembre 1999

INSERISCI LA TUA EMAIL
NELLA CASELLA SOTTOSTANTE E
RICEVERAI IL TASSELLO
DIRETTAMENTE NELLA TUA MAILBOX

UN PO' DI GAMBE DALL'AMERICA

Dopo aver salito una breve rampa di scale entro nel tunnel, un corridoio stretto e buio, dove navigo a memoria fino ad arrivare alla porta di ingresso della signora A. Confesso che le prime volte ho provato paura di misurare quella buia strettoia con una sonora caduta, che mi avrebbe fatto vedere tutte le stelle del firmamento.
Entro invitato dalla voce del figlio e di A, che sono lì ad aspettarmi ed anch’io so cosa mi aspetta, un paio di gambe da fine del mondo, nel senso che sono talmente deformate e piene di piaghe a causa di un brutto incidente e vecchie e toste varici.
Mentre mi dedico alla medicazione delle piaghe che riconosco spesso dolorosa, per sdrammatizzare e creare un diversivo scherzoso una volta mi sono lasciato sfuggire la promessa che le avrei procurato un paio di gambe nuove dall’America. Così questa promessa, che penso di avere fatto a qualche altro paziente, ogni tanto ritorna alla memoria e suscita un sorriso dolce e sereno su quel viso incorniciato da una capigliatura sempre curata, da orecchini di buon gusto, da uno sguardo comprensivo di chi sta al gioco e non vuol farmi pesare tutta la sofferenza di non potersi più muovere da quella casa, delle notti passate in bianco per i dolori a tutte le ossa, del disagio di dipendere da suo figlio anche per i bisogni più semplici.
Quante volte uscendo da quella porta e ripiombando nel tunnel ho pensato che in realtà la stessa sensazione di buio poteva crearsi anche in quella stanza da letto, dove una persona bisognosa di molte cure è seguita, curata, vissuta giorno e notte da un familiare. Spesso è un rapporto che s’incupisce, subentra il buio, che sfocia in incomprensioni, in sfoghi fuori misura, in parole pesanti; tutto questo fa parte del gioco in una situazione del genere, però questo è buio, è un tunnel da cui uscire diventa veramente difficile.
Allora si può fare qualcosa? Penso di sì, se diamo ascolto alla nostra coscienza e vogliamo vivere un po’ di solidarietà; basterebbe organizzarsi e a turno recarsi a trovare queste persone che vivono questi problemi dando la possibilità al malato di vedere volti nuovi, sentire parole diverse, uscire dalla triste realtà facendo entrare gli altri, e permettere alla persona che accudisce l’ammalato di avere qualche momento di libertà, che può consistere semplicemente nell’andare a messa o fare quattro passi per incontrare qualcuno. Può essere un’idea su cui riflettere: in fondo, il nostro tempo è spazio al servizio degli altri.
Ora la signora A non c’è più, il Signore l’ha voluta con sé come lei stessa, ultimamente nel suo lento ed inesorabile declino, desiderava tanto. Il paio di gambe nuove dall’America sono rimaste nella mia borsa, "serviranno a qualcun altro"! Certamente a lei non servono perché le sue gambe vecchie, stanche, storpie, piagate, oggi sono nel "suo Regno" due magnifiche ali che le permettono di volare alto.

Sandro

Sito ottimizzato per Internet Explorer 4+ 1024x768
Redazione Web: don Sergio, Achille, Dario

Gli accessi al sito