PARROCCHIA
S. MARIA REGINA
Via Favana - Busto Arsizio

 


Anno 2001
Numero 2 - Novembre 2000

INSERISCI LA TUA EMAIL
NELLA CASELLA SOTTOSTANTE E
RICEVERAI IL TASSELLO
DIRETTAMENTE NELLA TUA MAILBOX

 


I primi giorni di novembre hanno una loro particolare carica emotiva. Sono il richiamo al cimitero e al ricordo di chi ci ha lasciato. Man mano che i capelli diventano bianchi, aumentano anche le persone da "andare a trovare" al camposanto, persone che ci fanno rammentare parole, esperienze, sensazioni, affetti. Anche i ragazzi e i giovani (magari con qualche mugugno) accettano questo rito della "visita al cimitero". Un cero, un fiore, una preghiera, il silenzio: sono semplici ingredienti di una giornata avvolta nella nebbia. Per tutti la morte ?buio. Ma c'?buio e buio: c'? l'oscurit?che produce paura, che crea angoscia, che ci fa perdere la strada; c'?anche l'oscurit?con la presenza della luna che rassicura, che mostra i contorni delle persone e delle cose diversamente dalla luce del giorno. Quella notte lunare, cara ai poeti e agli innamorati, esprime meglio di ogni altra immagine quello che noi viviamo davanti ad una tomba. Il buio del cimitero e della notte ha "qualche cosa" di diverso per noi credenti in Ges? la luce, forse tenue, ma certa della resurrezione. E? essenziale che ogni notte sia abitata dalla luce anche solo della luna!

Il due novembre passa presto, ma il ricordo dei nostri morti rimane sempre. Anzi potr?essere migliore quando caler?il flusso "di massa" e ritorner?normale... il parcheggio delle macchine. Il camposanto riprender?poi il suo solito aspetto, ritornando ad essere luogo dove abbiamo deposto quelle persone care che, noi lo sappiamo benissimo, non sono l?

Sito ottimizzato per Internet Explorer 4+ 1024x768
Redazione Web: don Sergio, Achille, Dario

Gli accessi al sito