< 

 

PARROCCHIA
S. MARIA REGINA
Via Favana - Busto Arsizio
Telefono 0331-631690

 
/td>


Anno 2002
Numero 7 - Maggio 2002

INSERISCI LA TUA EMAIL
NELLA CASELLA SOTTOSTANTE E
RICEVERAI IL TASSELLO
DIRETTAMENTE NELLA TUA MAILBOX

 

LO SCOPRIREMO SOLO VIVENDO

Il titolo della trasmissione ?rassicurante: Saranno Famosi. Il programma di Italia 1 ?strutturato come una vera e propria scuola di spettacolo, con veri docenti e ore di lezione. Dopo la selezione iniziale, gli studenti ammessi hanno approfondito lo studio sulla teoria e la pratica delle seguenti ?materie?: danza, dizione e recitazione, canto e musica. Si tratta di una vera "incubatrice" di nuovi volti per la TV. E? veramente un trampolino di lancio per giovani talenti o serve esclusivamente ad aumentare di qualche punto l?audience? Sar?il solito programma dove i protagonisti sono usati (ma loro stessi si fanno usare) quando raggiungono un po? di notoriet?e gettati quando non interesseranno pi?a nessuno? Saranno Famosi far?conoscere volti nuovi capaci di entrare nel mondo dello spettacolo? Persone in grado di portare "gambe e fiato" e nuove idee per la TV? Aabbasser? finalmente l?et?media dei personaggi televisivi? Capisco che, con tutti i problemi che ci sono in questo mondo, queste mie domande possono sembrare superflue, ma, visto che il programma ?seguitissimo da giovani e giovanissimi, mi sembra importante soffermarmi su questi temi anche per favorire argomenti di discussione in famiglia, in particolare per il mio amico Attilio che, se potesse, butterebbe la TV gi?dal balcone.

Saranno Famosi presenta, incredibilmente, delle novit?interessanti che lo rendono diverso e gli attribuiscono una certa dignit?nei confronti di trasmissioni analoghe (penso al Grande Fratello e simili). Una delle novit??la salvaguardia della privacy: i ragazzi e le ragazze, all?interno della "scuola" di Saranno Famosi, hanno una certa protezione della loro vita privata e quindi, davanti al pubblico, i concorrenti gareggiano esclusivamente a partire dalle loro doti artistiche. La seconda novit??il faticare: i partecipanti, per conquistare il premio finale, devono ballare, cantare e recitare, con coraggio e determinazione e questo mi sembra un segnale positivo per una "TV dell?aiutino" come quella italiana. La terza idea ?la preparazione, lo studio: per diventare dei bravi artisti occorre studiare, occorre saper usare la testa; e sappiamo benissimo che, dalle "veline" in gi? non ?proprio la testa la parte del corpo necessaria per sfondare in televisione.
E? anche vero che oltre a queste note positive ce ne sono alcune "stonate": la conduttrice senza-sentimenti-finta-sorella-maggiore-un-po?-mamma; il rischio di "bruciare" i talenti delle persone escluse; la giuria popolare che giudica principalmente sull?antipatia o la simpatia del personaggio senza essere in grado di valutare seriamente le doti artistiche della persona.

Che fine faranno gli sforzi e l?impegno di Alessandra, Alessandro, Alessia, Andrea, Antonella, Antonio, Claudia, Clementina, Daniela, Dennis, Erika, Ermanno, Francesco, Fred, Gabriele, GianMarco, Gigi, Irene Nunzia, Leonardo, Marco, Maria Pia, Marianna, Mario, Michael, Miriam, Mirna, Monica, Miriam, Paolo, Pierpaolo, Renato, Valeria e Zita? Speriamo solo che per loro sia un buon inizio; noi? lo scopriremo solo vivendo.

 

Andrea

Sito ottimizzato per Internet Explorer 4+ 1024x768
Redazione Web: don Sergio, Achille, Dario

Gli accessi al sito