PARROCCHIA
S. MARIA REGINA
Via Favana - Busto Arsizio

 


Anno 2001
Numero 4 - Gennaio 2001

INSERISCI LA TUA EMAIL
NELLA CASELLA SOTTOSTANTE E
RICEVERAI IL TASSELLO
DIRETTAMENTE NELLA TUA MAILBOX

 

UNA CACCIA AL TESORO

Quando viaggio nella metropolitana di Milano mi capita di guardare le persone che sono sulla mia stessa carrozza o che si muovono velocemente sulle scale. Vedo persone che si spostano per lavoro, per lo studio e per mille altre necessit? I volti esprimono, il pi?delle volte, stanchezza e preoccupazione. Mi chiedo cosa pensano, cosa hanno in mente. Immagino le loro case, le loro famiglie, i loro affetti, il loro tempo libero. Subito penso a quello che si ?detto del giubileo a proposito dei numeri: milioni e milioni di persone andate a Roma; la grande affluenza di giovani alla Giornata Mondiale della Giovent?
Mi viene allora da chiedere: "Ma dove sono tutti?".
Tra i volti che corrono faccio fatica a vedere gente che attraversa la porta santa, che si confessa, che ascolta il Papa. Faccio fatica a veder giovani accaldati che pregano o sventolano le loro bandiere. Sembra proprio che tutto sia scomparso, dissolto nella massa; sembra che i numeri, cos?esaltati dalla grande stampa come evento dell'anno, non abbiano alcun valore. Immagino, contemporaneamente, anche un giovane che, guardandomi con la mia giacca a vento e con il cappello, si chieda la stessa cosa, senza sapere di stare davanti ad un sacerdote. E poi immagino un altro che, poco pi?in l? pensi la stessa cosa del giovane e di me, e cos?via. Strani ragionamenti che si possano fare in metropolitana prima di arrivare alla stazione di san Babila!
Non si riesce a notare tutto il mondo di bene nella grande massa di persone che si muove, ogni ora, in una grande citt? Questa sensazione lascia un po? la bocca amara, insinuando la tentazione: "Se non cambia nulla; cosa serve?". Come associazione di idee ricordo quando si giocava alla caccia al tesoro e dovevi stare attento a tutti gli indizi per trovare quel foglio che ti portava alla tappa successiva. Non sapevi dov'era il tesoro e neppure di che cosa si trattava. Ancora adesso quando si gioca con i ragazzi, subito ti dicono: "Ma non c'?nulla, abbiamo guardato bene", mentre si infilano nei posti pi?impensati. Eppure il biglietto c'? l'indizio parla chiaro, non bisogna stancarsi di guardare attorno e prestare attenzione.
E difficile in metropolitana vedere l'indizio dei figli di Dio tra la folla. Certi comportamenti e certe facce ti fanno ripetere: "Ma qui non c'?proprio nulla!". Ti vengono tanti dubbi circa il fatto che Dio possa voler bene a quei capelli rasati, a quella donna truccata, a quel tale appena uscito dalla boutique, a quei ragazzi attaccati al telefonino o a quei due che continuano a baciarsi. Mistero di quel Dio che si nasconde bene tra la gente, tra le storie delle persone, come quel biglietto del gioco che non si trova mai.

E mentre questo pensiero mi rincuora, tengo conto di quel disagio e di quei dubbi che segnalavo prima.Provo a dirlo, la mattina dopo, quando mi ritrovo da solo in chiesa e immagino il buon Dio che, oltre a ricordarmi le regole di una buona caccia al tesoro, continua a nascondere gli indizi tra la folla.

Don Norberto

Sito ottimizzato per Internet Explorer 4+ 1024x768
Redazione Web: don Sergio, Achille, Dario

Gli accessi al sito