PARROCCHIA
S. MARIA REGINA
Via Favana - Busto Arsizio

 


Anno 2002
Numero 2 - Ottobre 2001

INSERISCI LA TUA EMAIL
NELLA CASELLA SOTTOSTANTE E
RICEVERAI IL TASSELLO
DIRETTAMENTE NELLA TUA MAILBOX

 

LA PACE DOVE E? ?

Non ?la prima volta che mi ritrovo in ambulatorio questo giovane straniero dalla pelle olivastra: capelli lisci corvini, gli occhi scuri penetranti, le fattezze fini e raffinate, il fisico asciutto e longilineo; ?un paziente inviatomi dalla locale Caritas perch? ha dei seri problemi di salute . Altre volte la sua vista non mi avrebbe colpito pi?di tanto, perch?l?extracomunitario non ?pi?una novit?in questo tempo di globalizzazione, ma il fatto che lui sia pakistano, in questo preciso momento non pu?passarmi inosservato. Mi viene spontaneo, mentre lo visito rivorgere qualche domanda sulla situazione del suo paese, nel quale vivono i suoi parenti pi?cari; con molta amarezza mi riferisce che in un colloquio telefonico con il fratello ha avuto la conferma della situazione critica e instabile del paese, fonte per lui di profonda preoccupazione e di ritenersi molto fortunato di vivere e lavorare in Italia. Non insisto pi? di tanto perch?leggo nei suoi occhi velati dalla commozione una forte angoscia e vera impotenza.

Per fortuna ?l?ultimo paziente della giornata, perch?conoscendolo, nella sua particolare discrezione e cortesia, avr?lasciato la precedenza agli altri pazienti: non avrei potuto continuare a visitare senza far finta di niente, soffocando la miriade di sentimenti, pensieri, emozioni, che quell?incontro mi aveva procurato. Rimango l?in silenzio, non so per quanto tempo, dopo che il giovane pakistano mi ha salutato e ringraziato, dopo che ci siamo augurati di rivederci in tempi migliori, che in cuor nostro speriamo ardentemente arrivino presto.

Gi??difficile avere pensieri di pace, di speranza quando soffiano venti di guerra, o meglio tempeste di morte, quando la voce dei giusti ,dei miti, viene soffocata dal fragore delle armi intelligenti, come se le bombe avessero la capacit?di formulare pensieri e scelte; a tanto ?arrivata l?intelligenza dell?uomo: ma quale uomo, quale intelligenza? Il punto ?proprio qui nelle scelte che una nazione prende, decide, cerca di attuare: sono scelte che costruiscono la pace, nell?ottica della vera giustizia, dell?uso equo delle risorse, della loro salvaguardia o sono scelte dettate da logiche di potere, peggio ancora di strapotere, che sopprimono la libert? i diritti, la dignit?di esistere di altri popoli?

Sono domande che si affollano nella mente come la raffica di un mitra, fulminee come le bombe al laser, imprevedibili come gli aerei invisibili. Eppure se consideriamo i bilanci delle varie nazioni, scopriamo che la scala dei valori ?capovolta, penalizzando agli ultimi posti quelle istituzioni che dovrebbero sostenere un paese civile (istruzione, sanit? salvaguardia dell?ambiente, sicurezza civile): la corsa ?aperta a finanziare e garantire quelle istituzioni invece che sostengono il potere di uno Stato, spesse volte giustificando il tutto con la necessit?della difesa da un eventuale nemico (spese per gli scudi spaziali, per l?esercito di volontari, per l?industria bellica). Penso in tutta franchezza che la scelta di essere medico per salvaguardare la salute delle persone e in qualche caso salvarne la vita, non pu?e non deve passare attraverso questa logica distorta e stravolgente la scala di valori in cui credo: la conversione e l?utilizzo equo delle risorse deve essere un atto di coraggio e di responsabilit?di ciascuna nazione che vuole proclamarsi veramente civile. La vera civilt?ricerca spazi di incontro, di dialogo, si arricchisce della diversit?di altre civilt? valorizza l?uomo come essere al centro del mondo per essere al servizio dell?umanit? per governare bisogna saper servire, questo, se vogliamo crederci ?il messaggio di Dio attraverso Cristo!

La pace ?ricerca quindi di vera giustizia, di solidariet? di condivisione, di perdono; ma la pace la trovi dentro di te oppure non la troverai in nessun angolo del cielo o della terra!

Sandro

Sito ottimizzato per Internet Explorer 4+ 1024x768
Redazione Web: don Sergio, Achille, Dario

Gli accessi al sito