PARROCCHIA
S. MARIA REGINA
Via Favana - Busto Arsizio

 


Anno 2003
Numero 2 - Ottobre 2002

INSERISCI LA TUA EMAIL
NELLA CASELLA SOTTOSTANTE E
RICEVERAI IL TASSELLO
DIRETTAMENTE NELLA TUA MAILBOX

 

IL PRETE E LA SUA STORIA

Non ?facile parlare di se stessi perch?sono le azioni che parlano di noi. Mi ?capitato, comunque, di raccontare la mia vocazione in un contesto "serio", insieme a persone che avevano fatto altre scelte di vita religiosa. In quell'incontro si dovevano chiarire i passaggi e le tappe della propria crescita vocazionale. Quella volta fu utile per me perch? mi obblig?a dare dei contorni precisi alla mia storia. Ricordo invece molte altre occasioni in cui spontaneamente uscivano pezzi del mio passato quando, con ragazzi o giovani, si era attorno ad un tavolo, sui prati della montagna o in piazza della chiesa. Da un inizio in cui le domande vertevano sui classici problemi sessuali o sulle ragazze, si passava pian piano a richieste pi?profonde sull'essere prete, sul perch?di questa scelta, sulle difficolt?incontrate.

In quel clima mi sentivo libero di parlare, comprendevo la voglia di ascolto che era in loro, avvertivo un'apertura che mi obbligava alla franchezza. Momenti belli e calorosi! Cercavo solamente di non calcare le linee di un protagonismo, per non essere troppo al centro dell'attenzione, proprio perch?esiste, talvolta, la tendenza ad enfatizzare con tinte avventurose il proprio passato. Pi?volte, in anni successivi, mi ?capitato di rivedere alcune di queste persone, le quali mi rammentavano cose che avevo detto loro, mentre io avevo quasi rimosso molti pensieri. Questi sono i momenti pi? belli in cui parlare di s? proprio perch?nulla ?prestabilito o preparato, ma tutto nasce nella spontaneit? Per il resto infatti credo che siano le azioni e i comportamenti a parlare di noi, sia in senso positivo che in senso negativo.

Potrei accennare anche alla vita del prete con le sue difficolt? la mancanza di una donna e della famiglia, le giornate senza orari, il non possedere una vita privata, l'essere sempre sotto i riflettori, tenere insieme persone e iniziative di una comunit?Ma credo che siano problemi paralleli a quelli di molti altri. Anzi, i miei sono pi?ridotti! Mi vengono in mente persone che da anni non fanno le ferie per accudire persone malate o inferme, quanti sono alle prese con lo stipendio che non basta mai, quanti hanno delle difficolt?morali o vivono con molta solitudine. Ecco perch?mi sembra pi? corretto far conoscere non tanto i problemi del prete (che, tra l'altro, interessano poco), quanto ci?che un prete vive, pensa, quello che avverte o i punti di vista che possiede. Cos?facendo si pu?comunicare le parti nascoste e belle del prete. In questo mi ritengo un privilegiato, perch?della mia fede e della mia persona riesco a dire sempre qualcosa attraverso il microfono della Messa domenicale o le pagine del Tassello.

Esiste sempre un pensiero in ogni prete, quando non vede sorgere vicino a s?giovani che scelgono la stessa vocazione. Viene quasi l'idea che non si riesca a far passare l'Evento per cui ha senso dare la vita diventando sacerdoti. Poi si capisce che "questo mondo" rimane un po' misterioso e allora? ci si affida ancora di pi?al Padreterno.

don Norberto

Sito ottimizzato per Internet Explorer 4+ 1024x768
Redazione Web: don Sergio, Achille, Dario

Gli accessi al sito